“Tuteliamo il vino rosato”

L’interrogazione di Poli Bortone

Quali misure metterà in atto il ministro per le Politiche agricole contro il via libera da parte dell’Ue per la commercializzazione del vino rosè, ottenuto da miscela di vino rosso e bianco? Lo chiede Adriana Poli Bortone in un’interrogazione urgente a risposta orale

La Commissione europea ha dato il via libera alla commercializzazione del vino rosè quale miscela di vino rosso e vino bianco. Ciò comporterebbe un danno per la produzione di vino rosato, tipica del Mezzogiorno d'Italia. Riportiamo di seguito l'interrogazione urgente a risposta orale indirizzata da Adriana Poli Bortone, senatrice, a Luca Zaia, ministro per le Politiche agricole e forestali, per chiedere conto delle misure in programma per tutelare la produzione vinicola del Sud del Paese. INTERROGAZIONE URGENTE CON RICHIESTA DI RISPOSTA ORALE POLI BORTONE – Al Ministro per le politiche agricole e forestali Premesso che: – nei giorni scorsi la Commissione Europea ha varato un provvedimento in virtù del quale è stato dato il via libera alla commercializzazione del vino rosè ottenuto dalle miscele di vino bianco e rosso; – il vino rosato è noto essere prodotto da soffici spremiture di uve nere e non certo da alchimie autorizzate dall'UE, in contrasto, peraltro, con le reiterate dichiarazioni e i regolamenti che indicano nella qualità e nella tracciabilità i requisiti fondamentali per la genuinità del prodotto a tutela dei consumatori e della salute; – il provvedimento voluto dall'Europa danneggia la filiera vinicola italiana, ma in particolare quella pugliese ed ancor più quella salentina, svilendo, di fatto, una produzione identitaria per valorizzare la quale i produttori si sono impegnati negli anni, anche finanziariamente, nel paziente recupero di tecniche vinificatorie che garantissero tradizione e qualità del vino salentino; – nella competitività, è ovvio, giochi molto il fattore “qualità” del prodotto, e che, pertanto, è assolutamente ingiustificato e contraddittorio il provvedimento voluto dalla Commissione UE; si interroga il Ministro in indirizzo per sapere se intenda difendere in sede comunitaria, con l'impegno dovuto, il vino rosato, salvaguardandone genuinità e qualità, a tutela di una produzione vinicola pressocchè esclusivamente meridionale, frutto di impegno costante di produttori pugliesi e salentini in particolare, che molto hanno lavorato nel tempo per evitare che interventi truffaldini potessero intaccare la garanzia di genuinità del prodotto ed ora potrebbero essere fortemente danneggiati da interventi comunitari volti a legalizzare proprio dei “falsi” quali sarebbero i rosati “tagliati”. Adriana Poli Bortone, senatrice

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!