Mobile in rete. Meno tempi e meno costi

L'incontro del 31 marzo a Casarano

Come ridurre i costi ed i tempi della gestione d’impresa. E' stato fissato per il 31 marzo a Casarano un incontro di presentazione dell'innovativo sistema informatico per la filiera legno-arredo

Un nuovo sistema informatico permetterà alle aziende della filiera legno-mobile di effettuare in modo innovativo e con elevata efficienza tutte le operazioni amministrative, gestionali, commerciali e progettuali nei rapporti con i propri fornitori e i propri clienti, con un vantaggio sia in termini economici (riduzione dei costi per la gestione delle operazioni) sia organizzativi (riduzione degli errori, flessibilità, ecc.). Sarà presentata il 31 marzo (ore 16.30), presso il Cisi Puglia di Casarano, la piattaforma “Mobile in Rete”, grazie all’appuntamento promosso dalla KMaC-Polo Tecnologico Pit9 di Casarano in collaborazione con il Cosmob (Consorzio del Mobile) di Pesaro, e rivolto al settore ICT e Legno mobile del territorio pugliese. Al fine di promuovere e sostenere nelle imprese l’adozione di modelli avanzati di gestione e di garanzia della qualità, Cosmob ha realizzato nel 1994 un Laboratorio tecnologico per la qualità in cui offre servizi ed effettua sperimentazioni su materie prime, componenti, semilavorati e prodotti finiti del settore del mobile-arredo in relazione alle normative vigenti in ambito nazionale, europeo ed internazionale. La presenza di Alessio Gnaccarini, direttore del Cosmob e referente per il progetto “Fim” (Furniture Integrated Marketsite) della piattaforma “Mobile in Rete”, conferisce valore all’appuntamento che vede la KMaC soggetto propulsore e animatore di condivisione di conoscenza non solo a livello territoriale ma regionale. In quest’ottica che trova risposta l’appuntamento promosso il 1° aprile a Bari, presso la sede della Cna. L’incontro verrà trasmesso on line sul sito www.kmacpuglia.it e www.pit9.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!