Nardò.Costruire insieme una scuola migliore

Un'indagine scolastica per capire come i ragazzi vorrebbero la scuola

Un’indagine cui ha partecipato un campione di 600 alunni delle classi 4° e 5° degli istituti superiori di Nardò: “Galilei”, “Vanoni” e “Moccia”. Cosa pensano gli studenti della scuola? Come la vorrebbero?

L’associazione “Costruire, Insieme” ha promosso un’indagine sulla scuola cui ha partecipato un campione di 600 alunni delle classi 4° e 5° degli istituti superiori di Nardò: “Galilei”, “Vanoni” e “Moccia”. Di solito della scuola parlano gli addetti ai lavori, ma difficilmente ci si ferma a interrogare i giovani e a farli parlare in prima persona su di un servizio che è centrale nella loro vita L’indagine, perciò, ha voluto capire cosa gli studenti pensano della scuola così com’è e come invece la vorrebbero. Essa è stata resa possibile grazie alla collaborazione di alunni e docenti e alla disponibilità dei dirigenti scolastici Cesare Augusti, preside del “Galilei”, Vincenzo Prete, preside del “Vanoni” e Donato Ingrosso, preside del “Moccia”. Con la collaborazione dei Presidi del Libro, all’incontro parteciperanno Rina Calignano, coordinatrice per l’associazione “Costruire Insieme” e lo scrittore Vittorio Campione che con Silvano Tagliagambe è autore del libro Saper fare la scuola: il triangolo che non c’è, ed. Einaudi e che, prendendo le mosse dal suo libro, commenterà i risultati dell’indagine. È un’occasione per tutti: studenti, genitori, docenti e dirigenti per riflettere insieme su come rispondere ai bisogni e alle carenze segnalate dagli studenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!