Il progetto del comune di Lecce tra i 42 selezionati

Il programma comunitario See riconosciuto in sede comunitaria

Il progetto “See mms”, del comune di Lecce, ha avuto il giusto riconoscimento in sede comunitaria. L'obiettivo? Elaborare strategie di mobilità urbana compatibili con la vivibilità e con l’attrattività turistica delle municipalità partner del progetto

Nell’ambito del Programma Comunitario SEE (South East Europe) l’Amministrazione Comunale di Lecce ha avuto approvato un suo progetto denominato “SEE MMS”. Il progetto è stato presentato d’intesa con altri 9 partner di diversa estrazione: tre di essi provengono da Paesi UE, tre dai Paesi nuovi aderenti ei restanti tre dai Paesi in preadesione. Il Comune capofila è quello di Atene (Grecia) e l’importo complessivo del progetto è di € 1.700.000,00. L’ obiettivo generale del progetto consiste nell’elaborare strategie di mobilità urbana compatibili con la vivibilità e con l’attrattività turistica delle municipalità partner del progetto. “Sono molto soddisfatta per il risultato raggiunto e vorrei rimarcare il lavoro svolto dal settore Politiche Comunitarie del Comune di Lecce – comunica l’assessore al ramo Adriana Poli Bortone – grazie alla cui attività è stato possibile ottenere un progetto di così alta qualità che ha avuto il giusto riconoscimento in sede comunitaria”. La soddisfazione per il raggiungimento di questo risultato deriva dal fatto che ben 821 progetti erano stati presentati da tutti i paesi della Comunità Europea e, dopo la prima fase di selezione, il gruppo di candidature eleggibili si era ridotto a 95. Alla fine della fase di selezione la Commissione ha scelto i 42 progetti che presentavano le caratteristiche di maggior qualità ed innovatività in materia di cooperazione transnazionale, tra cui anche il progetto presentato dal Comune di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!