Sparò ad una coppia. Preso

Finisce dopo poco tempo la fuga dell'ex poliziotto penitenziario

Preso dopo 24 ore di latitanza l'uomo che sabato sera ha sparato ad una coppia di coniugi di Cursi. Coinvolto anche il fratello gemello

Non è un delinquente abituale. E forse la vita gli ha girato le spalle, riducendolo in stato di bisogno economico e di sofferenza psichica. Ma sabato sera Cosimo Resta, 37enne ex poliziotto penitenziario di Cursi, ha sparato ad una coppia di coniugi. Ha sparato attendendoli sotto casa, minacciando il marito di restare fuori, ed entrando nell’abitazione con la donna. I due sono rimasti fortunatamente illesi. Dopo aver commesso il fatto, l’uomo era scappato via facendo perdere le sue tracce. Ma dopo 24 ore dall’accaduto, i carabinieri della stazione di Maglie e del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia lo hanno fermato nelle campagne tra Cursi e Castrignano dei Greci e lo hanno condotto in carcere. E’ stato arrestato per minaccia a mano armata, esplosione di arma da fuoco, porto e detenzione illegale di arma da fuoco. Anche il fratello di gemello di Resta è stato coinvolto in questa storia: era sua la pistola utilizzata per sparare; l’uomo è stato denunciato per detenzione illegale di proiettili (ne aveva un numero maggiore rispetto a quello dichiarato).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!