Schiacciata dal treno in partenza

Una tragedia sotto gli occhi di marito e nipote

Mentre scendeva dal treno già in movimento è rimasta incagliata con il capotto nella porta automatica. E' deceduta in ospedale, pochi minuti dopo l'arrivo. Lascia quattro figli

Al momento sembrerebbe tutto riconducibile all’accidentalità. Ma le indagini che sono partite subito dopo la tragedia cercheranno di chiarire con maggior precisione la dinamica dei fatti. Scendendo dal treno Eurostar Lecce-Torino, dopo aver salutato la nipote in partenza per Forlì per far visita ad uno zio, Anna Corallo, 69enne di Lizzanello, è rimasta incagliata con il cappotto nella porta automatica. L’incubo si è consumato sotto gli occhi di tutti, ed in primis dal marito, che era riuscito a saltar già dal treno già in movimento un attimo prima e della nipote che si trovava sul mezzo. La donna è finita sui binari, rimanendo praticamente schiacciata dal convoglio. Le sue urla hanno messo in allarme i passeggeri che sono riusciti a fare in modo che il treno si fermasse, ma ciò solo dopo circa 70 metri. Corallo è stata condotta d’urgenza presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove è deceduta dopo pochi minuti per via delle complicazioni sopraggiunte in seguito all’amputazione della gamba sinistra e allo schiacciamento del braccio sinistro e della gamba destra. Era madre di quattro figli. Il pm Paola Guglielmi e gli uomini della Polizia ferroviaria hanno messo sotto sequestro il convoglio e la “scatola nera” con i documenti di viaggio per verificare se ci siano responsabilità nelle procedure di partenza del treno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!