Spacciavano droga ai compagni di scuola

Il blitz della polizia ha messo fine al business

Grazie agli incassi derivati dallo spaccio di droga avevano potuto affittare un appartamento accanto alla scuola, dove ricevevano i giovani clienti. Arrestati un 20enne e due minorenni di Galatina

Nonostante la giovane età avevano messo su un vero e proprio business con lo spaccio di droga. E che spaccio. Tre ragazzi di Galatina, due minorenni (16 e 17 anni) ed uno maggiorenne (20 anni), sono stati sorpresi dai poliziotti del Commissariato di Galatina a vendere droga, del tipo hashish e marijuana, ai coetanei, compagni di scuola. Non solo. Pare che gli “affari” fruttassero bene se i tre avevano potuto prendere un appartamento in affitto nelle vicinanze della scuola dove ricevevano i clienti, tagliavano e confezionavano le dosi, appuntavano addirittura su un’agendina quantità, consegne, acquirenti. Nell’appartamento i militari hanno rinvenuto 170 grammi di hashish divisi in 17 involucri e 20 grammi di marijuana, oltre a due bilancini di precisione, nastro adesivo e ritagli di plastica per le confezioni. I due minorenni sono stati condotti presso il centro di prima accoglienza di Monteroni; il 20enne nel carcere di Borgo San Nicola di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!