Lecce, lotta per le risorse ai campanili

La Provincia non ripara i campanili

Il parroco della chiesa di San Giovanni, in Morciano di Leuca, ha affidato alla stampa locale una sua lamentazione per la mancata attenzione da parte della Provincia alla riparazione del campanile

Il parroco della chiesa di San Giovanni, in Morciano di Leuca, ha affidato alla stampa locale una sua lamentazione per la mancata attenzione da parte della Provincia alla riparazione del campanile. Di soli 3.000 euro sarebbe stato il sostegno dell’ ente, a fronte del milione di euro, destinato invece al campanile del Duomo di Lecce. Il religioso, da esperto delle relazioni con le istituzioni, solleva una questione delicata, riconosce che in prossimità delle elezioni gli amministratori guardano all’importanza delle diverse realtà ecclesiali, ma invoca ugualmente pari considerazione, per rispondere “ai bisogni di tutti i cittadini”. Le esigenze cioè di una parrocchia sono, per il prete, problema di tutta la società che i politici non possono ignorare, specialmente “sotto votazioni”. Egli però non dà conto, più che degli oboli dei fedeli, più che delle proprietà possedute da impegnare all’occorrenza, di un altro consistente introito, oltre l’8XMille, che tutte le chiese da ogni ente locale, in tutta Italia, percepiscono annualmente per riparazione o costruzione di parrocchie, mai sottoposte a limite numerico. Si tratta del 7% degli oneri di urbanizzazione, gli introiti comunali per il rilascio delle concessioni edilizie, versati alle diocesi; una riscossione fissa, sfuggendo all’obbligo di rendiconto, che gli uffici comunali devono acquisire e gli organi di controllo verificare. E’ sostenibile che un culto viva con insostenibili privilegi a totale carico dello Stato? Giacomo Grippa, circolo Uaar Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!