Le pillole di programma. Parte seconda

Bozza di progetto della città per le elezioni amministrative del 6 e 7 giugno prossimi

Insieme alla coordinatrice cittadina, Francesca Fersino, è il consigliere Luigi Bartolomeo ad aggiungere un capitolo importante al programma del Partito delle Libertà, ponendo la sua attenzione sul risanamento del centro storico ed il recupero del patrimonio immobiliare del Comune di Casarano

Secondo appuntamento con “Le pillole di programma” del Partito delle Libertà, bozza di progetto della città per le elezioni amministrative del 6 e 7 giugno prossimi. Insieme alla coordinatrice cittadina, Francesca Fersino, è il consigliere Luigi Bartolomeo ad aggiungere un capitolo importante al programma, ponendo la sua attenzione sul risanamento del centro storico ed il recupero del patrimonio immobiliare del Comune di Casarano. “Una delle necessità non più rinviabili – spiega il consigliere comunale del PdL – è, per Casarano, quella di mettere mano ad un lavoro omogeneo e organico di recupero del nostro Centro storico e dei palazzi comunali che fino ad ora non hanno ricevuto alcun tipo di attenzione e di cura da parte di questa Amministrazione”. Bartolomeo considera positivo il fatto che la città abbia mantenuto un’importante zona antica riscoperta da molti casaranesi in occasione della manifestazione del Presepe Vivente. “Le vecchie arterie quali via Pendino, via F.A. Astore, via Pellegrino e vico Lungo – spiega l’esponente del PdL – potrebbero rappresentare, se adeguatamente risanate e restaurate, un interessante percorso turistico fino ai Giardini Ingrosso per finire alla Chiesa di S. Maria della Croce, oltre a rappresentare un luogo ideale per ospitare piccole botteghe artigiane e negozietti di prodotti tipici salentini”. Allo stato attuale molte delle abitazioni esistenti appaiono disabitate e decadenti. “Il Comune – propone Bartolomeo – potrebbe, in associazione con imprese private o grazie a finanziamenti nazionali o europei eventualmente disponibili, acquisirle per poi risanarle e affittarle a famiglie o artigiani o commercianti disponibili ad utilizzarle per le proprie necessità. Naturalmente un progetto così vasto richiede il coinvolgimento di tutte le parti interessate e la predisposizioni di un progetto di ampio respiro, per rendere tale zona focale nello svolgimento di manifestazioni ed appuntamenti culturali.”Altro aspetto importante per il PdL è il recupero dei palazzi comunali De Donatis, De Judicibus e D’Elia “che hanno necessità urgente di restauro e risanamento”. “Un aspetto assolutamente non trascurabile – aggiunge la Fersino – è quello di poter creare, in conseguenza di tale intervento e con adeguati incentivi che potranno essere predisposti al momento opportuno, anche opportunità di lavoro per giovani artigiani e commercianti e forse anche la riscoperta di quelle piccole comunità residenti nelle nostre case a corte che hanno caratterizzato la società casaranese di tanti anni fa e che viene ricordata con nostalgia per la sua impronta di solidarietà e di calore umano.”

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!