Dissidi Fi – An. Cairo: che fine ha fatto l'anima sociale di AN?

Cairo: “Non siamo un partito bulgaro”

Duro l'intervento di Paolo Cairo, capogruppo di A.N. a Palazzo Carafa, nei confronti del commissario regionale del partito, Francesco Amoruso, che proprio ieri aveva posto un aut-aut ai dirigenti di A.N.: o la firma della mozione che sancisce la fusione con Forza Italia nel Pdl o l'esclusione dal nuovo soggetto unitario del centrodestra

La totale assimilazione di AN in una Forza Italia allargata ha già dato i suoi primi frutti anche in Puglia attraverso le dichiarazioni del Sen Amoroso, il quale con evidente scarsa conoscenza dei contenuti di una mozione congressuale ma persino del regolamento sostiene che dovrebbero essere fuori da AN tutti quelli che non sottoscrivono la mozione proposta. A parte la disinvoltura culturale di chi acriticamente riesce a riconoscersi in un presunto Pantheon della Destra che ha considerato un ingombro persino i Nichelini, i Roberti, ed addirittura gli Almirante a vantaggio dei Amendola e Calamandrei la cui connotazione culturale è,come è noto, antitetica a quella della destra. C’è da chiedersi essenzialmente che fine abbia fatto quell’anima sociale ed indentitaria tanto retoricamente reclamata dalla destra sociale di Alemanno, e dove è finita quella questione Meridionale come questione Nazionale oggi relegata ad un solo rigo in una mozione di 13 cartelle. Da meridionali e da Meridionalisti convinti non accattoni ma propositivi di uno sviluppo organico del Sud che lo allontani da ogni forma di assistenzialismo continueremo con una scelta ponderata nel rifiutare in termini fortemente critici una mozione che non puo’ essere imposta, ma che dovrebbe essere liberamente discussa in un congresso altrettanto libero come si conviene ad un partito che non voglia essere bulgaro e che si richiama a principi di democrazia interni presupposto essenziale per essere credibili. Altrettanto libero, come fu libero il congresso che porto’ alla nascita di Alleanza Nazionale a Fiuggi. Paolo Cairo Capogruppo Alleanza Nazionale

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!