Bombolette spray. Sequestri a Gallipoli

Sanzioni per chi non rispetta l'ordinanza sindacale

Nonostante la sfilata in maschera prevista per ieri, a Gallipoli, sia stata rimandata per freddo, non si sono interrotti i controlli delle forze dell'ordine. Oltre cento bombolette spray sono state sequestrate in due ore

Nonostante il rinvio della sfilata di carri e gruppi mascherati previsto per ieri per la 68esima edizione del “Carnevale di Gallipoli”, il locale comando di Polizia municipale ha provveduto ad effettuare gli opportuni controlli sul territorio per dar seguito al contenuto della recente ordinanza firmata dal sindaco Giuseppe Venneri che sanziona tanto la vendita quanto l'utilizzo delle bombolette di schiuma spray, inflazionate durante il periodo carnascialesco. Sanzioni che prevedono la multa sino a 500 euro per chi detiene o pone in vendita gli erogatori della schiuma spray e sino a 200 euro per chi li usa, estendendo la responsabilità ai genitori nel caso in cui la schiuma venga utilizzata da minori. Ieri mattina, pertanto, per oltre due ore sono stati effettuati controlli da parte delle forze dell’ordine. Nel giro di poco più di due ore sono state sequestrate oltre cento bombolette ed inflitte le conseguenti sanzioni previste dall'ordinanza sindacale. Operazione, questa, che sarà ripetuta nelle giornate in cui si terranno le sfilate carnascialesche e che suona come un campanello d'allarme per quanti sono intenzionati a divertirsi in un modo ormai proibito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!