A Taviano si naviga gratis

Connessione internet gratuita nel centro cittadino

Il Progetto PIDSS (Punti di incontro digitale del Sud Salento), è attivo da alcuni giorni. Grazie ad esso nel centro storico di Taviano, il servizio di connessione internet è gratuito

Grazie al Progetto PIDSS (Punti di incontro digitale del Sud Salento), è attivo da alcuni giorni, nel centro storico di Taviano, il servizio di connessione internet gratuita. Le zone coperte dalla rete wireless del PIDSS sono piazza del Popolo ed il centro storico, fino ad un raggio di circa duecento metri. Mediante una copertura WiFi, gli utenti potranno collegare alla rete il proprio palmare, portatile o telefonino ed usufruire gratuitamente della connessione al web. La procedura da seguire per l’abilitazione alla navigazione è veloce e semplificata. La registrazione e la richiesta di Username e Password può esser inoltrata direttamente dal proprio cellulare mediante un sms -contenente il testo “pidss registrami”- al numero 3937253686 (l’intero procedimento è analiticamente illustrato sul sito web del Comune di Taviano). La piattaforma telematica del PIDSS è estesa a tutti i comuni del basso Salento aderenti al progetto e costituisce un presupposto fondamentale per la messa a sistema delle risorse. La sua funzione è quella di fungere da volano per la nascita dell’Economia della Società dell’Informazione, favorendo la produzione digitale di contenuti orientati al marketing territoriale ed allo sviluppo dell’offerta economica territoriale da veicolare nella “neutralità commerciale” di una rete privilegiata e qualificata come quella del PIDSS. L’assessore al Commercio e all’Innovazione tecnologica, dott. Rino Belloni, sottolinea che: “Internet è un servizio essenziale in una società globalizzata. La sua gratuità, grazie al progetto PIDSS, consente di ridurre le discriminazioni nel diritto di accesso alla rete (il cosiddetto digital divide), discriminazioni che possono causare eventuali forme di emarginazione sociale. Grazie all’uso delle nuove tecnologie, infatti, il cittadino potrà gratuitamente accedere ad informazioni utili per partecipare attivamente alla vita collettiva e conseguire vantaggi sociali, economici e culturali. Quello all’informazione è un diritto costituzionale che la nostra amministrazione ha scelto di tutelare prioritariamente: l’adesione al progetto PIDSS ne è un importante esempio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!