Bellanova vicino alla Filcams Cgil

La Filcams Cgil denuncia una gara d’appalto fuori dagli standard stabiliti dagli accordi nazionali

La Filcams Cgil denuncia una gara d’appalto fuori dagli standard stabiliti dagli accordi nazionali. Teresa Bellanova esprime la sua solidarietà ai lavoratori

In riferimento allo stato d’agitazione proclamato dalla Filcams Cgil di Lecce in merito alla gara d’appalto sui servizi di pulizia presso la Scuola di Cavalleria, l’on. Teresa Bellanova, componente della Commissione Lavoro della Camera dei deputati, esprime solidarietà e vicinanza ai 16 lavoratori che stanno difendendo in questo modo il proprio posto di lavoro: «Il taglio del 70% sui servizi di pulizia porta, per i lavoratori, a un passaggio da tre a un’ora al giorno di lavoro: un taglio inammissibile, condizioni di lavoro per niente dignitose, non in grado di soddisfare i bisogni delle famiglie. Mentre il Governo parla di incremento delle forze dell’ordine sul territorio, sponsorizzando così, in modo strumentale e populistico, la necessità di puntare sulla sicurezza, al contempo decide il taglio di servizi indispensabili, peraltro a maggior danno dei territori del Sud, che vedono riduzioni più drastiche dei fondi. Come al solito, il Governo fa cassa sui lavoratori: sui militari, perché potranno contare su meno servizi; sui lavoratori dei servizi pulizia, la cui dignità viene calpestata. E’ scandaloso che i Ministri di questo Governo approdino nel Salento con l’animo di chi è in gita, elargendo consigli inadeguati, senza porsi alcuno scrupolo né autocritica su quanto stanno decidendo in merito alle sorti del Mezzogiorno, tagliando risorse indispensabili per la crescita del territorio. Qualora questa situazione non dovesse risolversi entro le prossime ore, mi attiverò per presentare un’interrogazione parlamentare ai Ministeri competenti».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!