Il brutto anatroccolo. Il laicato cattolico italiano

Fulvio De Giorgi, figlio del cattolicesimo democratico d’azione

Oggi alle ore 18,30 presso l'Auditorium del Museo Sigismondo Castromediano in viale Gallipoli n. 28 a Lecce, si svolgerà la presentazione del libro di Fulvio De Giorgi. Sarà presente l'autore e Giovanni Invitto, docente di filosofia teoretica presso l'Università del Salento

Fulvio De Giorgi stasera alle ore 18,30, presso l'Auditorium del Museo Castromediano a Lecce presenterà il suo ultimo lavoro: “Il brutto anatroccolo. Il laicato cattolico italiano”. Per De Giorgi la sola via possibile di un rinnovamento della Chiesa è la genuina ripresa del Concilio Vaticano II. Solo così il brutto anatroccolo (la Chiesa tutta, laici e chierici) potrà diventare un cigno. Il libro è un “invito alla meditazione, per riacquistare la piena consapevolezza della propria dignità laicale e quella libertà di parola nelle comunità ecclesiali che sola può farci gustare le gioie della fraternità evangelica.” (dalla prefazione di mons. Carlo Ghidelli, Arcivescovo di Lanciano-Ortona). Il libro è un saggio sulla situazione ecclesiale italiana (ma non solo), dal Concilio Vaticano II a oggi, che nasce come risposta alla famosa lettera che i vescovi italiani hanno scritto ai fedeli laici nel 2005. Si tratta di una risposta aperta, franca e coraggiosa. Soprattutto coraggiosa, perché l’autore non usa mezzi termini per comunicare l’immagine di Chiesa che egli ha e, di conseguenza, l’immagine di laico che egli vagheggia, ma anche perché non teme di trattare temi spinosi (come quello dei preti pedofili, dei Dico e della laicità) sui quali si è volutamente soffermata la sua coscienza, prima ancora che la sua penna. Davanti agli scandali, veri o gonfiati che siano, che vedono coinvolta la Chiesa, davanti a un corpo sempre meno «Corpo di Cristo» e sempre più «Istituzione», dove si colloca il «servo inutile», il fedele che vive e lavora «in prima linea», l’operatore pastorale che opera silenziosamente nelle diocesi? La Chiesa sa e può rispondere ai desideri del laico, alla sua ricerca, o è necessario un rinnovamento autenticamente evangelico della stessa?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!