Un volo di 4 metri. Grave un operaio

Il muletto ha sfondato il solaio

Un nuovo incidente sul lavoro ieri mattina, a Lecce. Un giovane operaio di Surbo è precipato col muletto per 4 metri, sfondando il pavimento del primo piano ed il soffitto del piano terra. E' in condizioni gravi ma non rischia la vita

Il pavimento del primo piano non ha retto al peso del muletto ed ha ceduto portando giù la volta sottostante. Su quel muletto, nel cantiere aperto presso le ex Manifatture Tabacchi (dove sorgeranno appartamenti di lusso) vi era Giuseppe Ruggio, operaio 24enne di Surbo della ditta Ecotecnica di Trepuzzi. Il giovane stava trasportando del materiale, quando il pavimento è franato e lui è precipitato a terra, facendo un volo di 4 metri. A soccorrere Ruggio sono stati i colleghi di lavoro: avvertiva dolori in tutto il corpo e non sentiva più le gambe. Per fortuna l’intervento del 118 è stato repentino; l’operaio è stato condotto all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce dove è stato immediatamente sottoposto ad un intervento chirurgico, consistito nell’applicazione di una placa alla spina dorsale, che ha permesso di scongiurare quasi del tutto, la perdita dell’uso delle gambe. Gli inquirenti sono al lavoro per verificare che il cantiere dove lavorava Ruggio fosse in regola con le dovute norme di sicurezza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!