Da Squinzano a Bergamo per vendicare la fidanzata

Alla vista della polizia non si è opposto all'arresto

Da Squinzano a Bergamo con due coltelli in macchina per uccidere il presunto violentatore della fidanzata. Colpo riuscito: alla vista degli agenti, si è consegnato ed ha confessato l'omicidio

Sarebbe partito da Squinzano in direzione Bergamo, con la precisa intenzione di farsi giustizia da sé. In macchina con due coltelli fino a Brignano (nella provincia bergamasca) per vendicare il presunto stupro della sua ragazza da parte di un 31enne di nazionalità marocchina. Ed il suo intento l’ha pure portato a termine, Luigi Guadadiello, arrestato dagli agenti di Treviglio con l’accusa di aver ucciso a coltellate Abdelghani Khadda, che nel Bergamasco lavorava come piastrellista. Secondo quanto raccontato da Guadadiello e dalla sua fidanzata, questa sarebbe stata violentata da Khadda, che si sarebbe introdotto nella sua casa, la scorsa domenica, appena dopo averla conosciuta a casa di amici comuni. Dopo aver portato a segno il proprio piano, il 27enne salentino è stato fermato in un bar poco dopo dalle forze dell’ordine e a queste si è consegnato senza opporre resistenza. Guadadiello è un volto già noto alla giustizia di Lecce e Bergamo, per reati contro il patrimonio. Nelle prossime ore dovrebbero arrivare i risultati degli accertamenti dei sanitari sul corpo della sua fidanzata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!