La formula dell’ambiente

Una mostra per guardare con occhi nuovi la natura

Da ieri e fino al 19 dicembre, matematica, ambiente e natura interagiscono tra loro presso il Museo dell’Ambiente dell’Università del Salento

È stata inaugurata ieri “Matematica, Ambiente e Natura”, la mostra allestita presso il Museo dell’Ambiente dell’Università del Salento, all’interno del Campus universitario Ecotekne. La rassegna, che si protrarrà fino al 19 dicembre, è stata pensata e realizzata dal Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, col supporto scientifico del Coordinamento Siba, del Museo dell'Ambiente dell'Università del Salento e del Laboratorio ludico-matematico del liceo classico “Palmieri”. “Matematica, Ambiente e Natura, la cui realizzazione è stata resa possibile grazie al contributo della Regione Puglia, nasce come rivisitazione ed ampliamento della precedente versione, denominata MateSalento che grande successo ha riscosso lo scorso anno.”, spiega la dottoressa Gabriella Zammillo, che sottolinea: “ L’obiettivo non è solo quello di suscitare curiosità e interesse nel campo matematico, ma anche di contribuire alla valorizzazione del meraviglioso patrimonio culturale ed ambientale di cui il territorio salentino è incredibilmente ricco.” Anche nella nuova edizione il visitatore è invitato a “fare esperienza” di matematica; a scoprire le geometrie nascoste nei fossili, nelle composizioni architettoniche e nella vegetazione di cui l'ambiente marino e terrestre che ci circonda è straordinariamente ricco. Topologia, frattali, visualizzazione e simmetria le aree tematiche affrontate; poster, multimedia, video e divertenti rompicapo gli strumenti messi a disposizione. Una mostra dunque, come strumento per avvicinare il pubblico in maniera stimolante a problemi sotto certi aspetti anche complessi, che consente di toccare la matematica con mano, ma al tempo stesso di apprezzare e valorizzare le meravigliose bellezze custodite dalla terra salentina. L’ingresso è gratuito. E’ obbligatoria la prenotazione per le scuole. Orari di apertura: dall’11 al 19 dicembre 2008 dal lunedì al venerdì ore 09.00 – 13.00. Per maggiori informazioni e prenotazioni: Gabriella Zammillo, tel: 0832.297798; e-mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!