Ero e sono l’amico di tutti

L’intervento di Lisi sul presente del suo partito

Ugo Lisi, presidente della federazione provinciale di An, ha annunciato di voler convocare l’Assemblea dei presidenti di Circolo allargata all’Esecutivo e al Parlamentino, per fare il punto sulla condizione di An

di Ugo Lisi* Il solo leggere alcuni interventi sulla stampa di questi giorni mi rimanda ad atmosfere letterarie particolari che mi fanno sentire al centro di una rappresentazione pirandelliana se non proprio kafkiana. Anzi, da amante del pallone, per sfuggire da qualsiasi nobile tentazione letteraria alla quale i personaggi in questione non sembrano avvezzi, dirò che mi sembra proprio di essere al centro di una sfida di fantacalcio. Andare a ritroso nel tempo e ripercorrere la storia credo faccia bene a tutti, perché, talvolta, la polvere degli anni nasconde la realtà a vantaggio di fantasiose ricostruzioni di essa. E così non può essere. Quando fui chiamato dal partito a ricoprire dapprima il ruolo di commissario provinciale e, successivamente, di presidente, come tutti sanno, ciò accadde perchè Ugo Lisi era ed è persona pacifica, votata al dialogo e all’incontro piuttosto che allo scontro, addirittura anche al di la dei “colori”. Ugo Lisi era allora, come è adesso, per indole e non per convenienza l’amico di tutti, un uomo pronto a farsi concavo e convesso per il bene di An e dei suoi militanti. Dopo mesi di offese calunniose e pugnalate alla schiena gratuite rivolte alla mia persona, apprendo, in queste ore, che coloro i quali sono stati fino ad ora paladini dello scontro arrivano a professarsi maestri di armonia. Mi sorge il dubbio che, se a qualche persona viene riconosciuto un gandhiano atteggiamento di apertura, al sottoscritto dovrebbe essere consegnato il Premio Nobel per la irenica capacità di sopportazione che ha sempre dimostrato. A questo punto, di conseguenza, non si può più sfuggire dalla evidente consequenzialità dei fatti e quindi convocherò ad oras l’Assemblea dei presidenti di Circolo allargata all’Esecutivo e al Parlamentino, per ascoltare di persona le varie considerazioni e trarne poi le dovute conclusioni. Questo per dovere di correttezza nei confronti del simbolo e della mia persona, che non è disposta a cedere quote di dignità dandole in pasto a chi non è in grado di accettare le regole dello stare insieme. *presidente Federazione provinciale An

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!