Castellino. Acqua ok

Nei prossimi giorni saranno effettuati i controlli sull’aria

I dati emersi dalle analisi dell’Arpa sui pozzi nel territorio vicino alla discarica di Castellino, a Nardò, sono in linea con quelli del passato. Essi hanno evidenziato la sola presenza di azoto ammoniacale, indice di inquinamento generico, riscontrabile nell’intera falda salentina

Sono stati consegnati nei giorni scorsi i referti di analisi relativi ai pozzi spia situati nei pressi della discarica di Castellino a Nardò e sono stati annunciati anche i controlli sulla qualità dell’aria. I controlli sui prelievi dell’acqua, effettuati dall’Arpa, sono stati trasmetti all’Ufficio urbanistica del Comune di Nardò, che ne aveva fatto richiesta per il tramite dell’assessore Mino Natalizio. I dati emersi sono in linea con quelli del passato ed hanno evidenziato la sola presenza di azoto ammoniacale che è indice di inquinamento generico, purtroppo facilmente riscontrabile nell’intera falda salentina. Per quanto riguarda, invece, gli annunciati controlli dell’aria, nei giorni scorsi Gianni Scognamillo, assessore all’Ambiente della Provincia di Lecce, ha comunicato che, come richiesto da Natalizio, per il mese di gennaio è stata programmata una campagna di monitoraggio della qualità dell’aria a cura del Cnr di Lecce. Lo stesso Scognamillo ha annunciato che la città di Nardò è stata inserita nel progetto di monitoraggio delle aree urbane, in via di definizione da parte dell’assessorato provinciale con l’Isac Cnr dell’Università del Salento. “Ringrazio l’Arpa – ha dichiarato Antonio Vaglio, sindaco del Comune – per l’attenzione che presta al territorio neritino, per i controlli che vengono sistematicamente effettuati nonché per la disponibilità annunciata ad effettuare controlli su richiesta dell’Amministrazione anche al di là di quelli già calendarizzati. Un ringraziamento va anche all’assessore Scognamillo perché si dimostra sempre disponibile a venire incontro alle richieste di maggiori controlli avanzate dall’Amministrazione comunale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!