Sicurezza sui luoghi di lavoro

Oggi il protocollo tra Provincia di Lecce e Cpt

Luoghi di lavoro più sicuri negli appalti della Provincia di Lecce. L’ente di Palazzo dei Celestini si impegna, assieme al Comitato paritetico territoriale, per la prevenzione degli infortuni sul lavoro

Sarà sottoscritto ufficialmente oggi (ore 12) il protocollo d’intesa, già approvato in sede di giunta provinciale, tra Provincia di Lecce e Comitato paritetico territoriale (Cpt) relativo alla sicurezza dei luoghi di lavoro sui cantieri degli appalti provinciali. A “firmare” saranno Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, e Valentino Nicolì, presidente del Cpt. Per la Provincia di Lecce saranno presenti anche Flavio Fasano e Luigi Calò, assessori ai Lavori Pubblici e al Lavoro. Ma prenderanno parte all’incontro anche Mario Tafano, prefetto di Lecce, ed i responsabili provinciali delle organizzazioni sindacali e datoriali. Calò, che ha proposto il protocollo in seno alla giunta provinciale, ha espresso “grande soddisfazione per un accordo raggiunto con il Comitato paritetico territoriale che ci permette – ha detto – attraverso la consulenza alle imprese appaltanti, di tutelare meglio la sicurezza dei lavoratori. La Provincia di Lecce – ha continuato Calò – ritiene che il fenomeno degli incidenti sul lavoro resta una delle piaghe del nostro territorio e sottoscrive il protocollo a partire da questa sensibilità, nella certezza che esso sia un contributo importante al lavoro sinergico e coordinato dei vari soggetti istituzionali e sociali coinvolti nelle attività di prevenzione degli infortuni, di vigilanza sul rispetto delle norme e di promozione dei buoni comportamenti per la sicurezza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!