Finalità

Il fumetto è una forma di espressione che ha un’enorme diffusione, in ogni sfera sociale e generazionale. Numerosi sono anche gli artisti del fumetto. Accanto agli artisti ormai affermati nell’epoca d’oro del fumetto (dagli inizi degli anni 60 alla fine degli anni 80), vi sono oggi tanti giovani talenti, poco conosciuti e spesso portatori di linguaggi, tecniche e temi innovativi. Le giovani promesse del fumetto italiano devono fare i conti con un mercato nazionale oggi poco favorevole. Le prospettive di visibilità ed economiche sono oggi mortificanti e limitano fortemente la capacità di affermazione dei nuovi talenti del fumetto e del cartoon. Ovviamente, tale problema colpisce anche i tanti autori pugliesi. La Puglia ed il Salento ha autori riconosciuti sul piano nazionale e, talvolta, internazionale, (Claudio Panarese, Emilio Urbano, Giuseppe De Luca, Ned Bajalika, solo per citarne alcuni), ma poco conosciuti nella nostra Regione. Inoltre, la loro affermazione è avvenuta in altri luoghi e non già nella loro terra. Vi sono le condizioni, ossia le intelligenze e le valenze, per la nascita di una “scuola” pugliese del fumetto. Il nostro progetto vuole raccogliere gli sconosciuti talenti locali, farli conoscere al pubblico, offrire loro uno spazio per lo scambio di esperienze con autori affermati in Italia ed all’estero, delinearne un carattere non provinciale ma che, allo stesso tempo, ne esalti le caratteristiche autoctone. In passato, lo spazio laboratorio e vetrina dell’autore era il libro o la rivista che si avvaleva di un supporto cartaceo. Oggi, l’innovazione passa anche attraverso la comunicazione che si avvale degli strumenti informatici e multimediali. Lo spazio laboratorio – vetrina degli autori sarà veicolato, in modo stabile e privilegiato, dal computer e dalle immagini digitali. Per questo è nato “CRASH, la community pugliese del fumetto”, concepito come una comunità di artisti, che interagiscono tra di essi e con il pubblico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!