Condizionalità in agricoltura: seminari gratuiti

Importante azione formativa in tema di condizionalità nel settore agricolo

L' Assessorato alle politiche agricole della provincia di Lecce informa gli imprenditori agricoli che da oggi – 26 novembre – partirà un’importante occasione di formazione gratuita in materia di condizionalità ambientale.

L' Assessorato alle politiche agricole della provincia di Lecce informa gli imprenditori agricoli che da oggi – 26 novembre – partirà un’importante occasione di formazione gratuita in materia di condizionalità ambientale. La Camera di commercio di Lecce, l’Azienda speciale per i servizi reali e Confagricoltura Lecce hanno infatti organizzato ben otto seminari informativi per favorire la conoscenza ed il rispetto della condizionalità ambientale nelle aziende agricole. La Condizionalità è diventata negli ultimi anni obbligatoria per la salvaguardia dell’ambiente nel settore delle produzioni agricole, sia in riferimento ai CGO – criteri di gestione obbligatori (conservazione habitat naturali, salute degli animali, direttive per evitare accumulo di nitrati nelle falde) – e BCAA – buone condizioni agronomiche ed ambientali (conservazione della fertilità del suolo) , ai sensi del Reg comunitario 1782/03. “Il rispetto delle predette norme e criteri – comunica l'Ass. durante – è elemento imprescindibile per la fruizione di qualsiasi genere di contributo comunitario, nazionale e regionale in materia agricola previsti a breve nella nostra provincia dal nuovo Piano di Sviluppo Rurale”. I seminari, della durata di nove ore, saranno occasione dunque di accompagnamento degli imprenditori agricoli in materia di rispetto della condizionalità ed avranno il via oggi 26 novembre nei Comuni di Parabita, Ruffano e Lecce e nelle prossime settimane nei Comuni di Martano, Surbo, Sannicola ed Ugento. Ulteriori informazioni possono essere reperite presso la sede di Confagricoltura provinciale o presso la Camera di commercio di Lecce. Fonte: www.cosimdurante.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!