Aggredito per aver difeso la cugina

In dieci contro un giovane

Fortunatamente alla prima vista del sangue gli aggressori si sono fermati. Il giovane che ha difeso la cugina da un corteggiamento troppo insistente se l'è cavata con con la frattura di una mano e la ferita lacero-contusa del cuoio capelluto

Se l’è cavata con la frattura di una mano e la ferita lacero-contusa del cuoio capelluto il 28enne di Copertino che sabato scorso è stato vittima di un’aggressione a Monteroni. Intervenuto per difendere la cugina dal corteggiamento molesto di un uomo, mentre si trovava in un locale. La serata era partita come tanti sabato sera. Il giovane si trovava in compagnia della cugina e di un’amica. Ad un certo punto la ragazza ha attirato l’attenzione di un uomo che, dopo un veloce scambio di battute, si è rivelato piuttosto insistente. La dona si è messa sulla difensiva ed ha alzato la voce; il cugino ha ritenuto di dover intervenire intimando all’uomo di smetterla. Così sono partiti i primi pugni; l’uomo non si è difeso da solo: in breve tempo hanno preso parte alla rissa anche altri nove amici che erano con lui nel locale. Al primo sangue, fortunatamente, i dieci si sono fermati. Il giovane è stato medicato presso l’ospedale di Copertino; ha sporto denuncia contro ignoti alla stazione dei carabinieri di Monteroni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!