Rissa in famiglia. Feriti due carabinieri

Dalle parole ai fatti. Arrestati in sei, tutti parenti

Dopo le offese, il lancio di oggetti ed il ferimento, piuttosto grave, di uno di loro. Non solo. Anche i carabinieri che sono intervenuti per placare la lite le hanno prese. E' accaduto in un'abitazione della zona 167 di Martano

Dovranno rispondere delle accuse di rissa, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Al momento i sei, tutti parenti e tutti di Martano, sono stati arrestati in regime di domiciliari. Si tratta di Cosimino Bevilacqua (37 anni), Maria Abbondanza Pasca (37 anni), Filomena Bevilacqua (40 anni), Luigina Bevilacqua (19 anni), Fernanda Garacci (42 anni) e Vincenzo D’Amato (38 anni). A causare la rissa sarebbero stati futili motivi. Ma pian piano dalle parole i sei sarebbero passati ai fatti, cominciando a lanciarsi contro oggetti, anche di un certo peso. Ed è stato in seguito alle ferite alla testa riportate da uno di loro, che i vicini di casa hanno allertato i carabinieri della locale stazione. Questi sono intervenuti, assieme ai colleghi di Maglie e Soleto, presso l’abitazione di proprietà di Cosimino Bevilacqua in via Atene, situata nella zona 167 della città. Ma all’arrivo dei militari, i sei “belligeranti” si sono scagliati anche contro di loro, ferendone due, fortunatamente in maniera non grave.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!