La strada a Lecce, la multe a Novoli

Ambiguo photored a Villa Convento

Loredana Capone, consigliera del Pd al Comune di Lecce, ha rivolto un’interrogazione al sindaco e all’assessore competente al fine di conoscere se esista un accordo con il Comune di Novoli che regoli l'utilizzo del photored di Villa Convento

Strano ciò che si verifica da un po’ di mesi, e precisamente da luglio scorso, a Villa Convento. Accade, infatti, che, all’altezza del semaforo, sulla strada che provenendo da Lecce conduce a Novoli, quasi all’altezza dell’ufficio postale e della farmacia, nei pressi dell’incrocio con Carmiano e Arnesano, sia stato installato un photored che sta falcidiando di multe i vari automobilisti che si trovano a transitare per una strada a grande intensità di percorrenza, causando gravi disagi agli abitanti della frazione. L’apparecchio risulta essere installato dal Comune di Novoli (delibera della Giunta comunale n. 83 del 24 aprile 2007), su un territorio che appartiene, invece, alla città di Lecce. Loredana Capone, consigliera comunale, capogruppo del Pd al Comune di Lecce, ha rivolto un’interrogazione al sindaco e all’assessore competente al fine di conoscere se, innanzitutto, il Comune di Lecce ha mai autorizzato in località Villa Convento l’istallazione delle apparecchiature elettroniche su una strada di sua competenza; se ne ritiene l’utilità vista l’ubicazione di tale photored e visto che tale fatto sta arrecando numerosi disagi agli abitanti della frazione di Villa Convento e agli automobilisti provocando lunghe code; se il mancato introito delle infrazioni elevate non rappresenta un danno all’erario per le casse del Comune di Lecce e se, pertanto, esiste tra il Comune di Novoli e il Comune di Lecce un accordo in merito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!