Russia-Salento

Resoconto di un viaggio ad Est

Interessanti prospettive di collaborazione nel campo delle politiche giovanili e culturali sono emerse nel corso della visita della delegazione della Provincia di Lecce in Russia

Un nuovo accordo con il Ministero della Gioventù della Russia e con il National Youth Council of Russia e un’intesa con la Commissione del Lavoro dei Giovani del Comune di San Pietroburgo: sono i risultati raggiunti dalla delegazione della Provincia di Lecce, fino allo scorso lunedì in Russia, per la rassegna di Salento Negroamaro – rassegna delle culture migranti. La delegazione della Provincia di Lecce era composta da Aurelio Gianfreda, assessore alla Cultura, Antonio Cassiano, dirigente del servizio Cultura, e Luigi De Luca, dirigente del servizio Politiche giovanili e rapporti con le istituzioni culturali, accompagnati da Rocco Lionetto, responsabile del Cts di Lecce. I due accordi consentiranno di ospitare, nell’ambito della rassegna 2009 dedicata ai paesi ex comunisti nella ricorrenza dei 20 anni dalla caduta del muro di Berlino, le nuove tendenze della scena artistica giovanile russa, con particolare riferimento alle nuove formazioni rock, alla danza e alle arti circensi. Come è nella tradizione della manifestazione salentina, l’accordo prevede che nell’autunno 2009, a chiusura della rassegna, alcuni giovani gruppi musicali del territorio della provincia di Lecce saranno ospitati a San Pietroburgo in occasione del Festival della Gioventù. Il sodalizio rientra nell’ambito delle attività di mobilità giovanile e di cooperazione culturale internazionale promosse dell’Ente di Palazzo dei Celestini e realizzate grazie ai protocolli di collaborazione siglati con il Cts di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!