Nardò, strade sotto i ferri

Numerose arterie cittadine saranno interessate da lavori di ripristino del manto stradale

L'intervento di sistemazione dell'asfalto in alcune strade cittadine costerà al Comune di Nardò 99mila euro in tre anni. “E' solo l'inizio – ha fatto sapere Antonio Vaglio, sindaco -; presto tutte le principali strade avranno un nuovo look”

Accordo raggiunto tra l’amministrazione comunale di Nardò, la società Italcogim Reti spa e l’impresa Del Fiume spa di Taranto: il rifacimento del manto stradale delle vie interessate dai lavori di costruzione della rete del gas metano sarà realizzato secondo un piano di lavoro presentato dalla Concessionaria nello scorso aprile. Numerose le strade che saranno sistemate per l’intera larghezza della carreggiata al fine di evitare la nascita di buche o di avvallamenti. Nelle scorse settimane è stato approntato un calcolo dei costi relativi alla fresatura e alla successiva posa in opera del tappetino bituminoso delle arterie interessate e sono stati concordati i maggiori oneri a carico dell’amministrazione per un importo pari a circa 99mila euro in tre anni. Le strade interessate sono le vie Puglia, Cavaliere Aloisi, Concordato, Fleming, XX Settembre, Spallanzani, Bottazzi, Ardigò, Terra d’Otranto, Tarantino, Falconieri, Giurgola, Galateo, Poerio, Chiodo, Carlo Alberto, De Benedittis, Chiesa, Goffredo, Bottego, Rismondo, Fratelli Rosselli, e Canonico Piccione. “Questo è solo l’inizio – ha dichiarato Antonio Vaglio, sindaco della città – dal momento che è intenzione dell’amministrazione procedere alla sistemazione di tutte le strade del territorio maggiormente interessate dal traffico veicolare. I lavori stradali che sono stati eseguiti negli anni, infatti, in alcuni casi hanno ridotto il manto stradale ad una vera e propria groviera. Nei prossimi mesi i recuperi interesseranno altre strade cittadine, a partire proprio dalla circonvallazione attualmente interessata da lavori in corso”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!