Muore in reparto. 36 indagati

L'esito dell'autopsia

Una rottura traumatica dell'aorta sottovalutata dai medici. Fu probabilmente questa la causa del decesso al “Vito Fazzi” di Lecce di un 29enne leccese, ricoverato in seguito ad un incidente stradale. Indagato il reparto di Ortopedia

In 36 tra medici e infermieri finiscono indagati dalla Procura di Lecce. L’intero reparto di Ortopedia dell’ospedale “Vito Fazzi”, primario compreso, ha infatti ricevuto ieri un avviso di garanzia per il decesso, avvenuto in reparto il 1° ottobre, di Cristian Zampino, 29enne leccese ricoverato in seguito ad un incidente stradale. L’autopsia eseguita ieri da Antonio Vaglio ha rilevato che a causare la morte del giovane sarebbe stata la rottura traumatica dell’aorta. Una rottura che sarebbe emersa già durante la Tac eseguita durante i primi accertamenti, ma a quei tempi ritenuta di poco conto. L’accusa è di omicidio colposo plurimo. Le notifiche portano la firma del sostituto procuratore Antonio De Donno. Il ragazzo, infatti, era giunto al pronto soccorso leccese in gravi condizioni che avevano reso necessario il suo trasferimento in Rianimazione. Nei giorni successivi è stato sottoposto ad un intervento chirurgico e poi nuovamente spostato, stavolta in Rianimazione. Le sue condizioni sembravano migliorare, quando la situazione è precipitata. Zampino aveva appena parlato al cellulare con la fidanzata alla quale aveva riferito che sarebbe stato presto dimesso. Ma, attaccato il telefono, si è spento improvvisamente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!