Da Roma sei chili di coca per la Scu

Preso il corriere

I carabinieri l'hanno fermato mentre si stava dando alla fuga nelle campagne di Giorgilorio. Aveva trasportato in macchina, da Roma, ben sei chili di cocaina destinata ai clan salentini

Quando i carabinieri gli hanno chiesto che cosa ci facesse alle dieci di sera in piena campagna, Primo Settembrini, 49enne di Roma senza un’occupazione fissa, ha risposto che stava aspettando una ragazza. E invece si stava dando alla fuga, dopo aver parcheggiato in via Michelangelo, a Giorgilorio, la Volkswagen Passat con la quale era venuto in Salento. E dentro la quale aveva trasportato cocaina. Ben sei chili di cocaina, destinata al mercato della Sacra corona unita. Che, a quel mercato, avrebbe fruttato una cifra pari a circa 700mila euro. Ai carabinieri Settembrini ha raccontato di aver ricevuto 2mila euro per la sua mansione di corriere; ma a di più. Nessuna informazione su chi gli abbia offerto quel denaro né su chi dovesse ricevere la droga. Nelle prossime ore Settembrini sarà interrogato dal giudice delle indagini preliminari Maurizio Saso per rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente aggravata dall’ingente quantitativo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!