Domestica col vizio del furto

Sottraeva pezzi pregiati e poi li rivendeva

Aveva portato via, di venerdì in venerdì, quasi tutta l'argenteria dall'appartamento presso il quale lavorava come domestica. Una 28enne di Lizzanello è stata denunciata, assieme al suo complice

Dall’appartamento presso il quale svolgeva le mansioni di domestica aveva portato via piano piano praticamente tutta l’argenteria. Ogni venerdì, infatti, sottraeva all’arredamento della casa un pezzo di valore e lo consegnava al marito che l’attendeva in macchina e poi la accompagnava a rivendere quanto trafugato presso un negozio di Lecce. Ma ad un certo punto la donna, una 28enne di Lizzanello, ha fatto un passo falso: ovvero ha portato via un lume, anch’esso in argento, che però si trovava piuttosto in vista, nella stanza di ingresso. Non è stato difficile accorgersi della sua mancanza per i proprietari dell’appartamento; quando questi hanno chiesto alla governante che cosa ne fosse stato del sopramobile, la donna avrebbe risposto che l’aveva rotto. Insospettiti, i due coniugi si sono accorti che in ogni stanza mancava qualcosa. Hanno riferito tutto agli agenti della Squadra mobile che sono risaliti al negozio dove i due avevano rivenduto la roba ed hanno restituito tutto ai legittimi proprietari. La domestica ed il complice sono stati denunciati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!