Portoselvaggio. Buona differenziata nel parco

La soddisfazione degli addetti ai lavori

Una raccolta differenziata vicina alla soglia del 60 per cento. E' questo il risultato delle isolette ecologiche posizionate nel parco di Portoselvaggio – Palude del Capitano

Anche quest’anno le isolette ecologiche volute dall’assessorato all’ambiente e dal Settore foreste della Regione Puglia, all’interno del parco di Portoselvaggio – Palude del Capitano e che tanti apprezzamenti hanno suscitato sopratutto tra i turisti, hanno consentito di raggiungere percentuali ragguardevoli di raccolta differenziata, vicino alla soglia del 60%. Percentuale di poco inferiore a quello dello scorso anno che Leonardo Pinto, caposquadra degli uomini dell’Ispettorato dipartimentale delle foreste che operano nel bosco, giustifica con l’aumento considerevole di fruitori rispetto alla passata stagione e con l’estensione delle isolette ecologiche alla spiaggetta del “Frascone”. “Siamo pronti, però – sostiene Pinto – a recuperare già dalla prossima stagione, del resto, con una spada di Damocle sulla testa come l’assessore Natalizio, non si può fare altrimenti”. Intanto, nei giorni scorsi, interventi di pulizia straordinaria hanno interessato la scogliera da Punta della Lea fino a Serra Cicora e le banchine della strada provinciale 286 fino a Serra Cicora. “Tra i principali indicatori – dichiara Natalizio – che hanno consentito a Portoselvaggio – Palude del Capitano di essere riconosciuto quale parco ‘traino’ delle aree protette salentine, vi è senz’altro la corretta gestione rivolta alla pulizia e alla manutenzione selvicolturale di questa splendida risorsa naturale; di questo – continua – dobbiamo ringraziare il personale dell’Irif che, non mi stancherò mai di evidenziare, negli anni ‘bui’ del parco hanno salvaguardarlo e tutelarlo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!