Sette spari da un'auto. Paura a Nardò

Sul marciapiede vi erano dieci persone

Uno dei sette proiettili sparati dall'auto in corsa a fari spenti, nella serata di sabato scorso, a Nardò ha colpito il muro di un'abitazione. La polizia dovrà stabilire se il proprietario della casa abbia rapporti con malintenzionati

Sette colpi di pistola da un’auto in corsa a fari spenti. Hanno vissuto attimi di paura, sabato scorso, i residenti di via Pastrengo a Nardò, nei pressi della stazione ferroviaria. Almeno in dieci si trovavano sul marciapiede, alle 22 circa dell’altra sera. Gli spari sono arrivati all’improvviso; uno dei proiettili ha colpito il muro esterno di un’abitazione. Gli altri fortunatamente sono tutti andati a vuoto. Secondo le prime testimonianze raccolte dalla polizia l’auto dalla quale sarebbero partiti i colpi sarebbe stata una Seat Ibiza di colore scuro, nero o grigio. Qualcuno ha anche sentito grida e risate provenienti dalla vettura, come per attirare l’attenzione. Nessun elemento è lasciato al caso nella ricostruzione dei fatti; le indagini cercheranno di stabilire se il proprietario della casa colpita dal proiettile possa avere collegamenti con qualche malintenzionato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!