Maxi sequestro di eroina a Bari. 12 kg erano per il Salento

Blitz della Dia di Bari

Dei 23 chilogrammi di eroina sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia nel porto di Bari, ben 12 avrebbero raggiunto il Salento. A bordo di una Audi A3

23 chilogrammi di eroina che, se avessero raggiunto il mercato, avrebbero fruttato ai trafficanti circa dieci milioni di euro sono stati sequestrati dalla Dia (Direzione investigativa antimafia) del Centro di Bari in un’operazione che ha portato all’arresto di quattro albanesi. 12 chilogrammi erano destinati al Leccese; la restante parte alle Marche. Nel corso dell’operazione sono state sequestrate anche cinque automobili, sette telefoni cellulari ed oltre 7mila euro in banconote di diverso taglio. Il blitz è avvenuto presso il porto di Bari; la droga, proveniente con buona probabilità dalla Turchia, era stata suddivisa in 40 panetti nascosti nella ruota di scorta di un’auto fuoristrada trasportata da un traghetto che aveva fatto scalo in Albania. Nel porto era già stata divisa in varie autovetture pronte a raggiungere diverse destinazioni. Ruka Erion, n particolare, era l’albanese incaricato di farla arrivare nel Salento, trasportandola su una Audi A3.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!