Prima lo denunciano e poi lo pestano a sangue

Non attendono il corso della giustizia e procedono da soli

Padre e figlio titolari di un esercizio commerciale a Lecce sospettano che un dipendente sottragga del denaro dalla cassa. Allora lo denunciano. E dopo alcune ore lo cercano e lo picchiano al punto di lasciarlo privo di sensi per alcuni minuti

Prima lo denunciano perché sospettano che sottragga sistematicamente del denaro dalla cassa dell’attività commercial, di loro proprietà, nella quale è impiegato. Poi, appena poche ore dopo aver sporto denuncia, lo vanno a cercare e, trovatolo in una lavanderia automatica, lo picchiano a sangue. Talmente forte da fargli perdere i sensi per alcuni minuti. E’ accaduto ieri a Lecce. I due uomini, poi denunciati a piede libero con l’accusa di lesioni personali gravi in concorso, sono padre e figlio, rispettivamente 50enne e 33enne, titolari di un esercizio commerciale nel capoluogo salentino. Ma nella spedizione punitiva ai danni del dipendente ha agito anche una terza persona, un leccese di 29 anni, che avrebbe avuto il compito di fare da “palo”, alle porte della lavanderia per controllare che non sopraggiungesse nessuno. Il riconoscimento dei tre è stato reso possibile dalla descrizione di alcuni passanti ed anche dai filmati ripresi dalla telecamera a circuito chiuso della lavanderia. La vittima è stata trasportata presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce: ha riportato un trauma toracico e la frattura scomposta dell’arco anteriore di ben quattro costole sinistre. Si riprenderà in circa 25 giorni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!