Da un indagine sembra buona l'annata per le uve leccesi

L' Ass. provinciale Cosimo Durante in un comunicato analizza l'andamento della vendemmia 2008 in provincia di Lecce

L'Ass. provinciale Cosimo Durante rende noti i risultati di verifiche effettuate sul territorio leccese sull'andamento della vendemmia 2008

“Dai dati raccolti mediante indagini statistiche sul terriorito provinciale – si legge in un comunicato dell'Ass. Cosimo Durante – si è registrato in alcune zone della provincia un inizio delle operazioni di vendemmia intorno all’ 11 agosto per le varietà a bacca bianca (Chardonnay), per poi interessare nei seguenti giorni uve delle varietà Primitivo, Cabernet, Merlot. Intorno agli inizi della prossima settimana (10-11 settembre) saranno le uve Negroamaro ad aver il predominio nella raccolta, insieme ad altre varietà a bacca scura (Malvasia). Dai dati in possesso,a poche settimane dall’inizio della campagna 2008, sembra che la resa produttiva possa essere leggermente superiore e stimata intorno al + 5 – 10% rispetto all’annata 2007 con un raggiungimento di livelli qualitativi buoni, vista la stagione estiva poco caratterizzata da affezioni tipiche della viticoltura. Fiducioso di un andamento climatico favorevole – prosegue l'assessore -, di un mercato interessante, della sensibilità dei nostri imprenditori, nonché di un’ottimale rivisitazione delle certificazioni in materia di denominazioni di origine, prevista in Italia per il prossimo 2009 dall’UE, porgo ai viticultori salentini un personale “buon lavoro”, consapevole che il lavoro a cui sono chiamati in questi giorni possa contribuire, insieme alle attività messe in atto dall’ente provincia nelle varie missioni di marketing, a far riconoscere ulteriormente il Salento quale distretto agricolo di qualità”. FONTE: www.cosimodurante.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!