Rubano la cassa di un negozio. Presi

Si cerca ancora la refurtiva

Rubano un registratore di cassa da un negozio di materiale per la casa di Nardò e si danno alla fuga. Ma l'auto perde lo specchietto retrovisore ed i due, un 30enne ed una 19enne, vengono riconosciuti poco dopo. Della refurtiva ancora nussuna traccia

E’ andato male il colpo dell’altro ieri sera di una coppia di rapinatori neretini, un 30enne ed una 19enne. Sembrava essere filato tutto liscio: l’ingresso dell’uomo nel negozio di prodotti per la casa “Sanity Shop” in via XXV Luglio, il furto della cassa contenente 2mila euro, mentre la commessa era intenta alla sistemazione degli scaffali, la fuga in auto, una Renault Clio guidata dalla ragazza. Ma i proprietari del negozio hanno subito allertato gli agenti del Commissariato di polizia di Nardò e fornito indicazioni utili alle indagini. L’individuazione dei responsabili del furto è stata resa più semplice anche dal ritrovamento, all’uscita del negozio, di uno specchietto retrovisore della Clio, che i due hanno perso mentre si davano alla fuga, scontrandosi con un’auto parcheggiata nei paraggi. I due sono stati riconosciuti. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine in quanto era stato denunciato di recente come parcheggiatore abusivo. Anche l’auto è stata rinvenuta; purtroppo, al momento, non vi è alcuna traccia del registratore di cassa con l’incasso del negozio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!