Come ti raggiungo la Taranta

Il trasporto pubblico per l'occasione

Tratte ad hoc e costo dei biglietti vantaggioso. Per chi preferisse raggiungere l'evento dell'estate con i mezzi pubblici

La “Notte della Taranta” di Melpignano è alle porte. Per l’evento si prevede un afflusso intorno alle 100mila presenze. La Provincia di Lecce, nel contesto delle iniziative previste per incentivare l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici per raggiungere i principali luoghi di divertimento e, di conseguenza, ridurre il prevedibile notevole incremento di traffico generato da un uso eccessivo dei mezzi privati, ha programmato uno speciale servizio di trasporto pubblico, realizzato in collaborazione tra Ferrovie Sud-Est e Salento Viaggi, azienda di trasporto del gruppo Crusi Viaggi. Per rendere il trasporto pubblico più efficiente ed ampliato a tutto il territorio salentino è previsto l’utilizzo in congiunzione di autobus e treni. In particolare, sono previsti dei collegamenti a mezzo autobus che accompagneranno i passeggeri dalle varie località costiere e dell’entroterra verso le principali stazioni delle Ferrovie Sud-Est, Lecce, Nardò, Otranto, Tricase, Miggiano, Poggiardo e Maglie, dalle quali si potrà proseguire in treno per Melpignano; sono ovviamente previsti altrettanti collegamenti per il rientro al termine della manifestazione. Il costo del servizio è di 3 euro (andata e ritorno) ed è comprensivo sia del trasporto in autobus sia di quello in treno. I biglietti si possono acquistare presso le stazioni Ferrovie Sud-Est, i punti di informazione Salento in treno e bus, l’agenzia “Crusi Viaggi” in piazza Sant’Oronzo a Lecce ed a bordo degli autobus. Si consiglia di acquistare il biglietto in prevendita per evitare disagi, lunghe code e ritardi. Per informazioni più dettagliate sugli orari e i luoghi di fermata si può consultare il sito www.lanottedellataranta.it nella sezione “trasporti” o rivolgersi ai numeri telefonici 800.079090 e 393.2502500.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!