Lecce, la più ricca di Puglia

Il commento del sindaco

Con un reddito medio pro-capite pari a 17.783 euro, la città di Lecce è il capoluogo più ricco della Puglia. Paolo Perrone, primo cittadino, esprime la sua soddisfazione ma non dimentica le fasce deboli

Paolo Perrone, sindaco di Lecce, ha accolto con soddisfazione i dati dell’analisi del centro studi Sintesi (pubblicata alcuni giorni fa dal quotidiano Il Sole 24 Ore) secondo cui la città salentina risulta la prima per reddito pro-capite tra quelle capoluogo nella regione Puglia con una media di 17.783 euro. “E’ un dato certamente confortante ed estremamente significativo – ha commentato il primo cittadino – considerato che svela una realtà cittadina in controtendenza rispetto a quella provinciale e regionale o addirittura rispetto all’intero Mezzogiorno, che da questa analisi emerge in fortissima sofferenza. Mi sento di poter circoscrivere i meriti ai responsabili delle politiche locali negli ultimi anni, ma soprattutto agli imprenditori, ai professionisti e ai lavoratori tutti, soprattutto del settore dei servizi, che a questo punto pongono il capoluogo leccese quale forza in grado di trainare l’intero sistema economico provinciale. Una lettura attenta e responsabile di questi dati – ha continuato Perrone – ci porta a considerare il tipo di strategia su cui pubblico e privato adesso devono puntare: rendere più omogenei i benefici di questa positiva tendenza. Il dato, infatti, è frutto di una media aritmetica che non deve farci ignorare la presenza nella popolazione di fasce di cittadini che soffrono dal punto di vista economico e che sono molto lontani da quella soglia degli oltre 17mila euro di reddito medio pro-capite”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!