Le proposte del PD Salentino per pesca e dieta mediterranea

Si è svolta presso la sede del PD della provincia leccese una conferenza stampa per esprimere le misure in favore del settore pesca

Il Pd salentino in una conferenza stampa svoltasi nei passati giorni ha illustrato le proposte del PD in favore del settore pesca e della dieta medieterranea.

In una conferenza stampa del PD svoltasi nei precedenti giorni erano presenti ai vari livelli i vertici salentini con delega alle risorse agricole e del mare. Una conferenza utile ad illustrare le proposte del PD salentino per migliorare la competitività della pesca ed individuare la dieta medieterranea quale patrimonio culturale immateriale dell'Umanità. “Il progetto di marchio Unesco per la dieta mediterranea – afferma l'Ass. Prov. Cosimo Durante – è una grande occasione anche per rilanciare l’idea di un’offerta unica delle produzioni agricole mediterranee per superare l’attuale fase di competitività fra la sponda nord e quella sud. Occorre superare la logica della guerra commerciale e della mera disciplina doganale – che caratterizza purtroppo lo sterile negoziato in corso in sede WTO – per avviare invece una cooperazione scientifica, produttiva e commerciale fra tutte le agricolture del mediterraneo. Solo così è possibile dare una risposta positiva sia alla crisi alimentare che all’insostenibile aumento dei prezzi a livello mondiale”. Per il settore pesca si è appreso che all'Italia sono stati destinati 60 milioni di euro in un arco temporale di due anni circa con l’obiettivo di: fornire un aiuto immediato e temporaneo ai pescatori colpiti dal caro carburante, ma anche avviare una azione durevole di ristrutturazione e riconversione per rendere più competitivo il settore. Intervento fondamentale per un comparto profondamente in crisi con un calo dei redditi del 25% dai primi anni ’90, la diminuzione delle catture del 2% annuo dal ’93, ed una incidenza del costo del gasolio fino al 60% dei costi totali per lo strascico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!