Foglia di Tabacco premia Errico

La seconda serata della kermesse

Toccherà ad Antonio Errico il premio nazionale Foglia di Tabacco. La premiazione si svolgerà stasera in piazza Libertà a Castiglione d'Otranto. A seguire, spettacolo tetrale della compagnia La Busacca

Nell'ambito della manifestazione Premio nazionale “Foglia di tabacco”, sarà premiato stasera (è la seconda serata della kermesse), per la sezione Letteratura, Antonio Errico. “La scrittura abita Finibusterrae. Finibusterrae è la residenza della scrittura. Finibusterrae è l’orizzonte reale che si allontana mentre l’orizzonte disegnato del racconto si fa più vicino. È condizione dell’illusione, della visione, della metamorfosi e dell’anamorfosi, della conoscenza attraverso l’immaginazione”. Queste parole racchiudono il senso del legame tra scrittura e Salento. Sono tratte da “Viaggio a Finibusterrae”, ultimo lavoro di Antonio Errico, scrittore che molto continua a dare alla letteratura salentina e che con la sua prosa, lirica e suadente, riesce a suscitare l’emozione del racconto. Errico lavora come dirigente scolastico a Maglie e collabora alle pagine culturali di quotidiani e periodici letterari e scolastici. Le sue prime pubblicazioni risalgono alla metà degli anni ’80 (Tra il meraviglioso e il quotidiano, 1985), per poi continuare, tra le altre, con Favolerie (1996), Angeli regolari (2002), L’ultima caccia di Federico Re (2004). Nel corso della serata inaugurale del Premio il riconscimento è andato a Roberto Cingolani, per la sezione Scienze. L'appuntamento è in piazza Libertà a Castiglione d'Otranto (ore 21) dove, dopo l'incontro con Antonio Errico, la compagnia teatrale “La Busacca” porterà in scena l’opera “Chi è più felice ‘e me” di Edoardo De Filippo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!