Antiche torri

Sette abitazioni turrite nel centro storico di Salve

Numerose sono le torri sparse nel territorio salentino: da quelle annesse alle masserie fortificate a quelle costiere che mettevano in collegamento il litorale e i castelli dell'entroterra, da quelle funzionali all’economia dell’allevamento di colombi alle case-torri degli agglomerati abitativi.

Torri del periodo medioevale e rinascimentale sottolineano l’inconfondibile estetica del nostro paesaggio che disegnano ancora oggi in modo gradevole ed incisivo, sia esso di un habitat costiero, rurale o urbano . Solo ad esempio, vediamo alcune abitazioni turrite di Salve,dove ne sono state censite ben sette. Protetto da un fortilizio con fossato, il bel villaggio di Salve era munito di quattro porte “collocate con intelligenza”, i cui vani erano “superiormente guarniti di parapetti e feritoie”. Gli stessi accorgimenti difensivi-tramandano gli storici- si ritrovavano nelle case-torri, provviste di caditoie, e nelle terrazze delle abitazioni che si affacciavano sulle due strade primarie. La torre Veneri,poderosa costruzione in carparo oggi restaurata, adagiata com’è su di un pendio, ricorda la sua posizione strategica rispetto all’entrata nel paese, lì dove si apriva una delle quattro porte. Più in alto domina sulla piazza Concordia l’ampio edificio turrito e fortificato che fa angolo con via Marsini, in fondo alla quale spiccano pure le mensole di un'altra torre, tra la casa a corte Rasciale e palazzo Portaccio. Anche la vicina torre Montano, nota per la orgogliosa difesa degli abitanti di Salve dalle incursioni saracene, rinvia al programma difensivo ed ai collegamenti con masserie fortificate e torri costiere del capo di Leuca. Si tratta di un monumento, la cui originaria architettura di pianta quadrata, in seguito ampliata, è impreziosita da eleganti garitte su beccatelli, da balaustra e piombatoi.Una cornice in stile durazzesco, sottolinea il portone d’ingresso, come in contesti di prestigiosi palazzi e castelli della provincia. Particolarmente curata nei dettagli decorativi è pure la torre di casa Vantaggio, sempre in via Persico. Le tre caditoie finemente scolpite, le mensole e le colonnine testimoniano l’opera dei valenti scalpellini locali. La struttura è scandita nella sua mole dal tipico toro marcapiano, sporgente nella parte sommitale, il cui tetto è coperto con embrici. Dall’alto di questa torre, tra le più antiche di Salve,si possono facilmente distinguere le altre, svettanti a poca distanza: quella inglobata nel palazzo De Donatis, la torre De Notaris dal profilo tipicamente rinascimentale, e infine, quella del “castello”, in una panoramica fortemente suggestiva.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!