Terza età a chi?

Squinzano presenta il progetto Università della Terza Età

Il progetto “Università della Terza Età” ha, inoltre, previsto la realizzazione di un video al fine di riflettere su ciò che la tanto vituperata Terza Età può offrire alla società

Sarà presentato oggi a Squinzano, nell’ambito della rassegna “Le notti di San Giovanni”, il progetto “Università della Terza Età”, che ha avuto inizio nel mese di aprile ed ha visto l’entusiasta partecipazione di quaranta studenti di età compresa tra i 60 e gli 80 anni. Il programma del corso ha previsto lo studio della storia della canzone italiana, dagli inizi del Novecento fino agli anni Sessanta; un progetto sulla memoria e sullo stile di vita di qualche decennio fa nel nostro Paese; un viaggio nel sentiero dei pensieri e delle letture emozionali a tema, supportato da un breve corso di musicoterapica, con l’insegnamento delle tecniche di base per il rilassamento; infine, la dottoressa Occhineri Elisa ha dispensato ai partecipanti brevi nozioni di nutrizionismo. Il progetto “Università della Terza Età” ha, inoltre, previsto la realizzazione di un video, “Il Giovanotto Matto”, con l’intento di imprimere le emozioni degli allievi della neonata università, in modo da riflettere su quante risorse e quante sorprese riservi la terza età, troppe volte vituperata. Il video si inserisce all’interno di un progetto più ampio, sviluppato da Salvatore Inceri attraverso il sito internet www.squinzanoinrete.it, database on line che raccoglie le tradizioni, il folclore e la cultura del comune salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!