Civiltà contadina. Un museo nella ex scuola

Il finanziamento della Regione Puglia

Nella ex scuola elementare della frazione galatinese di Santa Barbara sorgerà, entro ottobre, un museo della civiltà contadina. La Regione Puglia ha liquidato nei giorni scorsi la somma di 30mila euro, il 30% della cifra necessaria al recupero dell'immobile

30mila euro in favore del Comune di Galatina. L’importo, liquidato nei giorni scorsi dal dirigente del Settore Agricoltura della Regione Puglia, riguarda il progetto “Immobile rurale – Borgo Santa Barbara”, nell’ambito della Misura 2.2 – PIS n.11 “Barocco Pugliese”. La somma arriva a titolo di anticipazione del 30% sul costo rideterminato di 100mila euro per il progetto presentato dal Comune riguardante l’ex scuola elementare di Santa Barbara per il quale Giovanni Stasi, responsabile del Settore Lavori pubblici del Comune di Galatina, comunicava alla Regione Puglia, in data 15 maggio 2008, l’avvio dei lavori. Attualmente i lavori sulla scuola, per anni in situazione di abbandono, sono in stato assai avanzato di realizzazione; la loro ultimazione è prevista per la fine di ottobre e dunque con largo anticipo sul termine ultimo del 31 dicembre 2008 stabilito dalla Regione. L’intervento, così come da progetto, una volta ultimato, consentirà di destinare la struttura in Borgo Santa Barbara a sede permanente di Sala Mostre della Civiltà Contadina. “Ben presto – ha affermato Sandra Antonica, sindaca di Galatina – il nostro territorio potrà avvalersi di uno spazio dove poter costituire preziose testimonianze della civiltà contadina galatinese con la raccolta di fotografie, documenti, attrezzi e macchinari agricoli della nostra storia, risalenti agli anni passati e oggi dimenticati o tuttora sconosciuti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!