A proposito di mobbing

L'incontro di oggi in Provincia

La tutela antidiscriminatoria delle lavoratrici e dei lavoratori. Di questo si discuterà nel corso dell'incontro che si terrà oggi in Provincia, promosso da Serenella Molendini, consigliera di parità della Regione Puglia e della Provincia di Lecce, e dall’Ordine degli avvocati di Lecce

“La Tutela antidiscriminatoria delle lavoratrici e dei lavoratori”: è questo il tema dell’incontro in programma per le ore 18 di oggi, nella sala consiliare della Provincia di Lecce. L’incontro, organizzato e promosso dalla consigliera di parità della Regione Puglia e della Provincia di Lecce e dall’Ordine degli Avvocati di Lecce, intende rappresentare un’occasione di aggiornamento e confronto su un tema sempre attuale, quale quello della tutela antidiscriminatoria delle lavoratrici e dei lavoratori, specie alla luce della direttiva comunitaria n. 54/06 in fase di recepimento nel nostro ordinamento. Ai lavori prenderanno parte Serenella Molendini, consigliera di Parità di Regione Puglia e Provincia di Lecce, Luigi Rella, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Lecce, Caterina Mainolfi, giudice del Lavoro Tribunale di Lecce, Gaetano Veneto, ordinario Diritto del Lavoro Università degli Studi di Bari, Rosa Patrizia Sinisi, giudice del Lavoro Tribunale di Brindisi, Ugo Operamolla, coordinatore della Fondazione dell’Avvocatura italiana e Roberta Altavilla, tesoriere dell’Ordine degli Avvocati di Lecce e Componente del Consiglio Nazionale Forense. Le conclusioni della serata saranno di Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce. Nel corso dei lavori verrà anche presentato il corso di formazione dei consulenti di fiducia, e saranno distribuiti gli atti del corso di formazione “Il mobbing e la tutela antidiscriminatoria delle lavoratrici e dei lavoratori”, organizzato dalla consigliera di parità in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!