Aree Vaste. La Povincia pianifica

L’incontro a Palazzo dei Celestini

Durante l’incontro, si è preso atto delle risultanze emerse ed è stata avviata una riflessione sulla necessità di attivare una integrazione per elaborare Piani Urbani per la Mobilità in linea con le esigenze del territorio

E’ necessario attivare un’ottimale integrazione allo scopo di consentire un’elaborazione dei Piani Urbani per la Mobilità in linea con le esigenze dell’intero territorio diviso tra le due Aree vaste. E’ questo l’esito dell’incontro che si è svolto nei giorni scorsi presso Palazzo dei Celestini sulla Pianificazione di Area Vasta, tra Gianna Capobianco, assessora provinciale alla Programmazione economica, Giuseppe Merico, assessore ai Trasporti, Pier Giorgio Solombrino e Raffaele Parlangeli, direttore generale e dirigente per l’Area Vasta di Lecce, Remigio Venuti, sindaco di Casarano, Comune capofila, e Claudio Conversano, per l’Area Vasta di Casarano. All’ordine del giorno le analisi territoriali effettuate dai rispettivi Gruppi tecnici incaricati per la elaborazione dei Piani Urbani per la Mobilità e i riscontri emersi dalle analisi effettuate dall’Osservatorio provinciale per l’educazione e la sicurezza stradale. Durante l’incontro, si è preso atto delle risultanze emerse ed è stata avviata una riflessione sulla necessità di attivare una integrazione al fine dell’elaborazione dei Piani Urbani per la Mobilità in linea con le esigenze del territorio. “Nella pianificazione di Area Vasta – ha dichiarato Capobianco – in virtù delle sue competenze, la Provincia riveste un ruolo insostituibile in relazione alla specificità degli indirizzi regionali in materia, che hanno previsto la suddivisione del Salento nelle due Aree Vaste di Casarano e Lecce. Al fine di evitare duplicazioni, sovrapposizioni e contrasti, intendiamo esercitare una funzione di raccordo e coordinamento tra la programmazione dei vari interventi delle due Aree Vaste e tra questa e la pianificazione territoriale della Provincia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!