Gallipoli. Bentornati cassonetti

Il sindaco ha assecondato la richiesta dei cittadini

La raccolta di rifiuti porta a porta non ha portato i risultati sperati. Giuseppe Venneri, sindaco di Gallipoli, ha accolto la proposta dei residenti nel centro storico e dato il via al riposizionamento dei cassonetti

Da due giorni è in atto, presso il centro storico di gallipoli, la “rivoluzione gentile” attraverso la quale si stanno ripristinando i cassonetti per la raccolta dei rifiuti. È durato così poco meno di un anno l’esperimento della raccolta porta a porta, giudicata “fallimentare” dal sindaco Giuseppe Venneri, che ha così spiegato i motivi della scelta operata dall’esecutivo locale. “Il riposizionamento dei cassonetti nel centro storico – ha detto il primo cittadino – oltre che essere stato un preciso impegno preso in campagna elettorale rappresenta una precisa richiesta da parte dei residenti del centro storico e che abbiamo ritenuto meritevole di attenzione e di accoglimento, visto gli esiti negativi che ha prodotto la raccolta porta a porta”. Il sindaco fa riferimento essenzialmente a quello che è stata definito “effetto discarica” che si è notato negli ultimi mesi circolando lungo le mura del centro storico, con sacchi di spazzatura disseminati lungo tutto il periplo della città vecchia. “Abbiamo ritenuto doveroso con questa iniziativa – ha chiarito il sindaco – cancellare un biglietto da visita altamente negativo in quella che è una realtà ad altissima densità turistica e che merita attente forme di valorizzazione. Il ritorno ai cassonetti si spiega proprio in tale ottica e nella volontà di eliminare scene non certo edificanti per residenti, turisti e cittadini”. Sempre il primo cittadino ricollega poi la scelta della giunta comunale di qualche giorno fa, che è stata seguita in modo particolare da Giorgio Cacciatori, assessore al Centro Storico, con quella in vigore dall’inizio di questa settimana, legata all’attuazione della pedonalizzazione del centro storico (dalle 11.30 a mezzanotte) sino al 10 settembre. “L’obiettivo – ha spiegato Venneri – è quello di attivare iniziative tese a garantire un maggiore afflusso ed una maggiore fruizione dei cittadini come dei turisti del nostro meraviglioso centro storico, che resta il cuore pulsante del nostro turismo. Aver ripristinato i cassonetti per garantire maggiore decoro ed aver istituito la pedonalizzazione della città vecchia significa aver compiuto due passi in avanti verso un obiettivo che resta un elemento prioritario nell’attività programmatica ed esecutiva della nostra squadra di governo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!