In fiamme una “foresta” di ulivi secolari

Spunta l'ipotesi del dolo

Qualcuno avrebbe visto un uomo aggirarsi nella zona e spargere del liquido infiammabile per dare fuoco ad altre piante secolari. Sull'incendio che è divampato lunedì scorso a Sant'Isidoro si fa strada la pista del dolo

In un primo momento l’incendio divampato lunedì pomeriggio nell’area di ulivi secolari in contrada “Sarparea”, a Sant’Isidoro, era stato archiviato come accidentale. Ma nelle ultime ore sembra prendere piede in maniera sempre più convincente l’ipotesi del dolo. Qualcuno avrebbe infatti visto un uomo aggirarsi nella zona e spargere, questo è ciò che i testimoni hanno riferito, del liquido infiammabile per dare fuoco ad altre piante secolari. La zona in questione non è un semplice uliveto, ma una vera e propria foresta d’ulivi risultata dall’addomesticamento tramite innesto di una “foresta primigenia”, compiuto diversi secoli fa. Tutta l’area sarebbe stata venduta nei giorni scorsi ad un gruppo imprenditoriale non del luogo, interessato alla realizzazione di un insediamento turistico previsto dal Piano regolatore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!