Scoppia la lite, spunta un coltello. Arrestati

Feriti anche i militari intervenuti

La serata in amicizia di due uomini di Porto Cesareo già noti alle forze dell'ordine si è trasformata in lite; i militari sono riusciti a fermare uno dei due, che già aveva estratto un coltello

Si è evitato il peggio, ieri, solo grazie all’intervento di una pattuglia dei carabinieri. Giunti in via Di Vittorio a Porto Cesareo, presso l’abitazione di Pasquale Falconieri, 43enne disoccupato già noto alle forze dell’ordine, questi sono infatti riusciti, anche se a fatica, a sedare gli animi del padrone di casa e di Alessio Bianchi, commerciante di 27 anni, anche lui del luogo. Pare che i due avessero trascorso la serata insieme in amicizia, ma proprio sul finire di essa, qualcosa sarà andato storto. Un malinteso, un diverbio, forse qualche parola di troppo e via alla discussione. Falconieri a quel punto avrebbe estratto un coltello, deciso a chiudere lì la questione. Per fortuna, i giochi sono stati interrotti dai militari che hanno faticato prima di riportare la calma nell’appartamento, riportando anche alcune ferite poi medicate al pronto soccorso di Copertino. Il 43enne è stato condotto presso il carcere di Lecce; al più giovane sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!