Schianto dopo la festa. Quattro feriti

Si trasforma in tragedia una serata di festeggiamenti

Uno dei quattro giovani che occupavano ieri sera la Fiat Bravo è finito in coma; gli altri vertono in gravi condizioni. Pare che a determinare l'incidente sia stato l'improvviso attraversamento della carreggiata da parte di un cane

Si è trasformata in tragedia la serata in allegria di un gruppo di amici di Diso che avevano appena festeggiato l’inizio delle vacanze estive. I quattro giovani, poco più che ventenni, Gianluigi Amato, Alessia Mele, Giovanni Corvaglia e Luigi Quaranta, stavano percorrendo la statale 275 quando all’improvviso hanno perso il controllo della vettura finendo contro un muro dopo essersi ribaltati più volte. Alla guida dell’auto era Amato; pare che il giovane abbia effettuato una violenta sterzata in seguito all’attraversamento improvviso della carreggiata da parte di un cane, ma che non sia stato in grado di mantenere il controllo della Fiat Bravo. La quale si è ribaltata più volte fino a terminare la corsa addosso ad un muro. Le condizioni dei giovani sono piuttosto gravi; Quaranta si trova in coma presso l’ospedale di Tricase; i medici preferiscono non pronunciarsi sul suo stato di salute; Corvaglia verte in condizioni meno delicate rispetto agli altri; se la caverà in 20 giorni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!