Premio Casaranello, terza edizione. Sabato scorso la serata finale

La manifestazione è stata presentata da Martina Colombari e Bruno Conte

Oltre a premiare con borse di studio i progetti elaborati dagli studenti, il Premio Casaranello “scova” e premia personalità legate alla città che si sono distinte e che si trovano in ogni angolo del mondo. Tra i premiati di quest'anno c'è stata anche Monica Barone, casaranese, direttore generale di Sidney

Monica Barone è originaria di Casarano ma, fino a sabato scorso, la città non l’aveva mai vista. Solo nelle ultime ore ha conosciuto i luoghi dove hanno vissuto i suoi genitori, prima che questi emigrassero in Australia. Barone è venuta in città per un motivo ben preciso: è una delle quattro personalità eccellenti che hanno dato lustro alla città e che, quindi, sabato sera hanno ricevuto il “Premio Casaranello”. Dall’agosto 2006, questa signora dall’aria sbarazzina e dal fare deciso ricopre il ruolo di Ceo (Chief Executive Officer) di Sydney, ossia è il direttore generale della più grande città del continente australiano. Sul palco della manifestazione ha portato con sé la bandiera di Sydney, che nel 2000 ha ospitato le Olimpiadi, ed ha letto un messaggio da parte di Clover Moore, sindaco della metropoli australiana. Il “Premio Casaranello”, oltre a distribuire borse di studio a progetti elaborati dagli studenti, si è caratterizzato nello “scovare” e premiare cittadini casaranesi, o personalità legate alla città, che si sono distinti per le qualità professionali o umane e che si trovano in ogni angolo del mondo. Oltre a Monica Barone, il riconoscimento è stato tributato anche a Marco Torsello, a Cesare Augusto Stefano e a Paolo Nespoli. Di quest’ultimo si conosce quasi tutto: è un astronauta; lo scorso ottobre è stato a bordo della navicella spaziale “Space Shuttle Discovery”; è cittadino onorario di Casarano grazie proprio alla collaborazione scientifica che offre al premio. Gli altri due sono “figli” della città che, per motivi professionali, sono costretti a vivere lontano da Casarano. Torsello, dopo un’esperienza in Deutch Bank, ricopre il ruolo di direttore centrale di “Aeroporti di Roma”, la società che gestisce gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino; Augusto Stefano, figlio di un ex maestro elementare, è responsabile del patrimonio architettonico della diocesi di Wurzburg (Germania). Il premio, giunto alla terza edizione – ideato da Giovanni Pino e Gino Pisanò, sotto l’egida dell’Amministrazione comunale, con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Università del Salento, Camera del Commercio, del Cnr, dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e dell’European Space Agency (Esa) – è nato con il preciso intento di incentivare e valorizzare tutte le iniziative a sostegno della crescita culturale ed economica del territorio, chiedendo agli studenti, attori del futuro, di rendersi protagonisti di questo processo. L'evento è stato presentato da Martina Colombari e da Bruno Conte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!